Edizione 2007

Editoriale


Presenze di invidiabile vitalità

Per questa edizione 2007 desidero passarvi semplici riflessioni. Sfogliando i giornali, pigiando sul telecomando, il problema più difficile che ci si presenta è quello di saper individuare quale è la bella notizia del giorno. Sicuramente non vengo a fare l’elenco di ciò che maggiormente ci inquieta, ma se abbiamo la sensazione che anche il nostro paese non corra più come speravamo, questo contribuisce a farci vedere la giornata meno serena del solito.

Quello che non riusciamo maggiormente a digerire è un fatto assai singolare: dicono che stiamo così tanto bene che di fare certi lavori non ci piace più e li lasciamo fare agli immigrati, ma ci sono paesi più poveri di noi che stanno per superarci.....Sarà pur vero, anche perché lo dicono le radio, le tv e i giornali, ma...

Leggendo tutto il programma del maggio fioranese 2007 non si ha certo la sensazione di un paese in declino, non si avverte una popolazione stanca e sfiancata. Non possiamo neanche dire che sia un paese che si sta perdendo nell’ozio, padre di tutti i vizi. Vi confesso invece, che leggendo quello che siamo riusciti ad organizzare quest’anno si ha la percezione nitida di essere in presenza di un paese carico di vitalità. Sto usando un termine che è sia una dote che una conquista, è quella caratteristica che non si incontra per le strade, ma è la magica nostra predisposizione a non rimanere seduti, e quella abitudine di dover sempre finire quel compito prima di andare a letto. Questa vitalità che è in grado di sgorgare quando il fisico sembra ormai vinto dalla stanchezza, che produce anche nuova energia nuove speranze e rinnovata fiducia.

Per queste ragioni auguro a Fiorano un buon maggio 2007, ma non solo, invito tutti a parteciparvi attivamente. Verrà molta gente da fuori a condividere con noi gli spettacoli e gli eventi programmati. Questo ci riempirà di gioia e di orgoglio, perché mentre in molti  angoli della nostra penisola e dell’Europa non si respira molto ottimismo, noi potremo immergerci nel nostro maggio fioranese. Potremo essere felici di condividere momenti di solidarietà, attimi di cultura o semplicemente apprezzare un cabarettista.... Potremmo gioire, giocare e divertirci, distrarci ed appassionarci; essere felici, con gli amici, i vicini di casa i conoscenti. Potremmo  raccontare di aver trascorso momenti significativi e tutto questo non perché abbiamo vinto alla lotteria, ma perché Fiorano resta ancora un territorio dove pullulano molteplici vitalità che producono entusiasmo. Complimenti! Ciò significa che come comunità abbiamo ancora molto da dire.


Il Presidente del Comitato “Fiorano in Festa”
(Avv. Gian Carla Moscattini)

Avv. Gian Carla Moscattini - Presidente del Comitato

Avv. Gian Carla Moscattini
Presidente del Comitato
Fiorano In Festa

"Mentre in molti angoli della nostra penisola e dell'Europa non si respira purtroppo molto ottimismo, noi potremo invece immergerci nel nostro Maggio Fioranese, felici di condividere con le tante persone che verranno da fuori paese momenti di solidarietà e attimi di cultura o semplicemente apprezzare un cabarettista. Potremo gioire, giocare e divertirci, distrarci ed appassionarci; essere felici con gli amici, i vicini di casa, i conoscenti.

Potremo raccontare di aver trascorso momenti significativi e tutto questo non perché abbiamo vinto alla lotteria, ma perché Fiorano resta ancora un territorio dove pullulano molteplici vitalità che producono entusiasmo, dove vive una comunità che ha ancora molto da dire" Il Maggio Fioranese, un sogno in rosa e un'occasione da non perdere.

Ogni primavera dalle parti di Fiorano c'è un gruppo di persone che realizza un piccolo miracolo. Sono passati otto anni da quando alcuni commercianti del centro decisero di riprendere in mano l'antica tradizione della comunità fioranese di festeggiare il mese mariano e ,'avvento della primavera. Hanno iniziato con il supporto dell'Amministrazione Comunale e di qualche associazione sportiva, con un piccolo palco, qualche concerto e una ventina di bancarelle.

Piccole cose, ma con la visione precisa di crescere, crescere, crescere. Quello che non sempre avviene è che i desideri si trasformino in realtà: ci vuole costanza, collaborazione e fortuna come in tutte le cose. Il terreno di Fiorano si è dimostrato fertile. Due, tre, quattro anni di costanti miglioramenti con l'aggiunta di nuovi spazi per proporre iniziative per tutti i gusti, una direzione artistica capace e determinata e la positiva risposta degli sponsor e della società civile con l'associazionismo che aderisce in massa alla manifestazione.

Quattro anni dopo quel timido inizio le associazioni di categoria, con lungimiranza per lo sViluppo sociale e commerciale del Paese, decisero di entrare nel neonato Comitato Fiorano in Festa, organizzatore del Maggio assieme al Comune, e diedero lo slancio decisivo per arrivare al Maggio Fioranese di oggi, a quella manifestazione che come dice il Sindaco Claudio Pistoni "è giovane ma già grande e continua a crescere".

In evidenza