Benvenuti al
Maggio Fioranese 2014


QUARTO E ULTIMO WEEK END DEL MAGGIO FIORANESE 2014

 

Si è concluso con Piazza Ciro Menotti piena di gente che ballava scatenata il Maggio Fioranese 2014, grazie allo spettacolo di musica del Sud Italia “La Notte Tarantata”, pieno di carica ed energia. Non poteva concludersi in modo migliore la kermesse che quest’anno ha portato a Fiorano nomi del calibro dei New Trolls, dei RIO e di BAZ di Colorado, e non solo: la decima edizione della rassegna “Fiorano incontra gli Autori” ha permesso ai fioranesi e non solo di assistere ad incontri con Sergio Zavoli, Walter Veltroni, Leo Turrini e Innocenzo Cipolletta. Nel corso dell’ultimo week end si è potuto ridere in modo equo solidale con lo spettacolo degli 8mani al centro parrocchiale e si è potuto sorridere e riflettere con lo spettacolo SPARTITI presso le Casette Sassi e Guastalla, a cura dell’associazione giovanile TILT. Durante tutta la giornata di domenica è stato anche possibile fare shopping presso il Mercato della Toscana, che si è tenuto in Piazza Salvo D’Acquisto. Come sempre in serata tanta musica dal vivo, punti di ristoro e bancarelle di tutti i tipi hanno fatto da cornice agli eventi principali.

DAL

10 MAGGIO

AL

01 GIUGNO

FIORANO INCONTRA GLI AUTORI 2014

PRIMO WEEK END DEL MAGGIO FIORANESE 2014

 

Ha avuto inizio il week end scorso il Maggio Fioranese 2014, pieno di eventi, spettacoli, intrattenimento e musica dal vivo: band locali presso le Casette Sassi e Guastalla a cura dell'Associazione giovanile TITL e presso il Centro Parrocchiale, Red House Blued Band e "Gente di Piazza Piccola" rispettivamente nelle serate di sabato e domenica in Piazza Ciro Menotti, latino americani e danza orientrale al Quartiere Latino (Centro Commerciale di Fiorano) e punti di ristoro sparsi in tutto il centro.

 

 

Grande spazio è stato dato alla cultura: domenica mattina Sergio Zavoli è stato il protagonista del primo appuntamento della rassegna, giunta quest'anno alla sua decima edizione, "Fiorano incontra gli Autori", affascinando il pubblico presente al Teatro Astoria narrando aneddoti che spaziavano dalla sua infanzia alla sua carriera di capo redattore, il tutto incentrato sull'importanza della memoria, e a Villa Cuoghi si è svolto invece l'incontro con lo scrittore Marcello Fois, nuovo esponente della letteratura sarda.

 

Durante il week end si è svolta anche l'esibizione di karatea cura di A.S.D. Gichin Funakoshi e il concerto della banda "Flos Frugi" di Fiorano. Spettacolo dedicato al musical quello che si è tenuto al Cinema teatro Primavera: il "Corlo Chorus Grop" ha portato in scena lo spettacolo HAKUNA MATATA, spettacolo liberamente ispirato a "Il Re Leone". Nonostante la voglia di far festa, non ci si è però dimenticati di argomenti più seri: in occasione della domenica dedicata alle associazioni di volontarito sabato mattina presso il Teatro Astoria si è tenuto un convegno sul tema dell'hospice, mentre venerdì sera si è tenuto il concerto di Nicolò Agliardi, autore delle canzoni originali della serie di successo "Braccialetti Rossi", con la partecipazione di Carmine Buschini, Leo nella serie.

Insomma, come ogni anno siamo partiti alla grande e...IL MEGLIO DEVE ANCORA VENIRE! 

 

Il mito di Senna è rivissuto sul palco del Teatro Astoria grazie al giornalista Leo Turrini, protagonista del secondo appuntamento della rassegna

"Fiorano incontra gli autori 2014"

 

Sul palco anche il giornalista sportivo Luca Sgarbi e Mauro Forghieri

Platea gremita di appassionati di Formula 1 e del mito di Ayrton Senna martedì sera, 13 maggio, in occasione del secondo appuntamento della rassegna “Fiorano incontra gli autori 2014”, organizzata dal Comitato Fiorano in Festa e da Lapam Confartigianato Imprese, con la collaborazione del Comune di Fiorano Modenese, e curata magistralmente dal giornalista Roberto Armenia, che coordina gli incontri: il secondo protagonista a calcare il palco dell’Astoria è stato il giornalista sportivo Leo Turrini, considerato uno dei maggiori esperti di Formula 1 e in particolare della Ferrari, che ha presentato la sua ultima fatica, ovvero il libro “Senna. In viaggio con Ayrton” (Imprimatur Editore, 2014), opera dedicata al grande e indimenticabile Ayrton Senna, morto tragicamente in un incidente durante il Gran Premio di San Marino 20 anni fà. La serata si è aperta con il collegamento telefonico con Stefano Domenicali, storico Direttore Tecnico del Reparto Corse della Ferrari, che da un mese a questa parte non fa più parte della squadra del cavallino, ma nella quale si sente ancora emotivamente coinvolto, e lo ha fatto capire chiaramente nel corso della telefonata. Leo Turrini è stato intervistato in modo impeccabile dal giovane giornalista sportivo Luca Sgarbi, intervista dalla quale è emersa la profonda umanità della persona di Ayrton, dopo la sua morte trasformata in un mito ma per chi lo conosceva, come anche Forghieri, caratterizzata da un’indole profondamente imperfetta, come ogni uomo. Nel corso della serata è emerso un Senna cinico e agguerrito, ma anche un Senna sensibile, umano e profondamente religioso. Sul palco erano presenti, oltre a Turrini, Sgarbi e Forghieri, il giornalista Roberto Armenia, l’Avv. Gian Carla Moscattini, Presidente del Comitato Fiorano in Festa, e Gilberto Luppi, Presidente di Confartigianato – Lapam. La serata si è conclusa sulle note della canzone “Ayrton” del grande Lucio Dalla, interpretata da Giordano Mazzi, consulente artistico della Ferrari.

Il giornalista Armenia ha tenuto a specificare che la rassegna “Fiorano incontra gli autori” non è in alcun modo a spese della comunità, perché, oltre al contributo di Lapam Confartigianato Imprese, è sponsorizzata da METAL GIOTTO e da ASTRA PRINT.

 

In occasione del terzo appuntamento della rassegna “Fiorano incontra gli Autori 2014” Veltroni ha introdotto e commentato la proiezione del suo film “Quando c’era Berlinguer”

 

Walter Veltroni: «Ho voluto fare questo film per dimostrare a tutti che la politica è, è stata e può essere ancora una cosa meravigliosa»

 

E’ stato un appuntamento un po’ diverso dal solito quello di venerdì sera, 16 maggio, con il terzo autore della rassegna “Fiorano incontra gli autori 2014”, in quanto l’autore in questione, il politico, scrittore e regista Walter Veltroni, è rimasto sul palco con il giornalista e curatore della rassegna Roberto Armenia per non più di 20 minuti, per poi lasciare spazio alla proiezione del suo film “Quando c’era Berlinguer”. In quei 20 minuti Veltroni, grazie alla sua raffinata arte oratoria e alla sua vastissima cultura in svariati ambiti, ha spiegato al pubblico presente in sala le varie ragioni che lo hanno portato a fare un film-documentario su Enrico Berlinguer, storico segretario del PCI. Il primo motivo è legato ad un momento preciso del film, la parte introduttiva, in cui vengono presentare le risposte date da persone di varie età e provenienti da varie realtà sociali alla domanda “Chi era Berlinguer?”, risposte estremamente evasive se non addirittura totalmente errate. Veltroni ci tiene a specificare che questo tipo di introduzione non vuole essere di tipo accusatorio, tutt’altro: il film è stato fatto proprio per tentare di colmare anche solo in parte queste lacune, perché se la maggior parte degli italiani non sa chi è stato e cosa ha rappresentato per l’Italia una figura come quella di Enrico Berlinguer significa che non si sta facendo abbastanza per ricordarlo. Il secondo motivo è legato ad una particolare ossessione dell’autore per il tema della memoria, tema che ha sempre ricoperto nella sua vita e nelle sue opere un ruolo fondamentale e basilare, perché, ha specificato Veltroni, «chi non sa cos’è successo ad Auschwitz non può capire perché siano così terribilmente sbagliati e pericolosi i cori razzisti negli stadi.» Il terzo motivo che lo ha portato a ricoprire il ruolo di regista è che «nonostante tutto ciò che è accaduto negli ultimi anni e nonostante tutto ciò che si sente in giro la politica è una cosa meravigliosa, e il modo più chiaro per dimostrarlo è raccontare alla gente la vita e il lavoro di un politico puro, di una persona che ha vissuto la politica come una vera e propria missione, e che ha sempre dimostrato di avere un codice morale e interiore fortissimo. Berlinguer era rispettato e riconosciuto, era una persona bella, discreta, colta, e anche molto timida, caratteristica a me molto cara. Una persona che fino agli ultimi tragici momenti di vita, momenti che lo hanno portato a dover decidere se terminare il suo discorso sul palco o se ritirarsi, ha deciso di scegliere la strada a favore del bene di tutti e quindi, con sforzi sovrumani, è riuscito a concludere il discorso.» Questi 20 minuti di introduzione sono stati seguiti dalla proiezione gratuita del docu-film, un’opera fatta di testimonianze e di filmati dell’epoca che riescono a far rivivere emotivamente quel periodo anche a coloro che non l’hanno vissuto e che quindi non hanno potuto conoscere una figura fondamentale della storia politica e sociale italiana come quella di Enrico Berlinguer. In quest’occasione Veltroni ha anche presentato il libro omonimo, uscito in questi giorni nelle librerie.

La rassegna “Fiorano incontra gli Autori 2014” è organizzata dal Comitato Fiorano in Festa e da Lapam Confartigianato Imprese, con la collaborazione del Comune di Fiorano Modenese, curata dal giornalista Roberto Armenia, che coordina gli incontri, e sponsorizzata da METAL GIOTTO e da ASTRA PRINT.

Teatro gremito per l’appuntamento con

Francesco Guccini al Teatro Astoria

 

 

Più di un’ora di chiacchiere e grasse risate

 

Oltre ad essere uno dei più importanti cantautori italiani, Francesco Guccini é senza dubbio un grandissimo oratore, e lo ha dimostrato domenica pomeriggio al Teatro Astoria, in occasione del quarto appuntamento della rassegna “Fiorano incontra gli Autori 2014”: più di un’ora di chiacchiere davanti ad un teatro gremito che pendeva letteralmente dalle sue labbra e che ha dimostrato il proprio apprezzamento rispondendo con grasse risate ad ogni battuta pungente del cantautore. Guccini ha presentato il suo ultimo libro “Nuovo dizionario delle cose perdute” (Mondadori Editore, 2014), che, sulla scia del precedente titolo, “Il dizionario delle cose perdute”, ricostruisce e documenta la ricchezza del nostro passato, regalando ai lettori un emozionante viaggio all’interno della memoria e delle ricche e colorite tradizioni di casa nostra, il tutto all’insegna della ricerca del nostro passato, rivisto e raccontato con ironia e senza nostalgia. Nel corso dell’incontro Guccini ha ricordato con tenerezza di essere già stato a Fiorano, nel ’74 e nel ’75, in occasione di due gite scolastiche, che da Modena lo hanno portato a Fiorano, dove, con i suoi compagni, «ci divertimmo come dei maiali», parole sue. Guccini ha ricordato anche, con divertentissimi aneddoti, il tempo trascorso nella redazione della Gazzetta di Modena, con un caporedattore sordo che per risparmiare sulla batteria dell’apparecchio acustico lo lasciavano spento e un facchino che, quando in redazione non c’era nessuno, si fermavano a scrivere a macchina romanzi erotici. Nel corso dell’incontro è intervenuto anche Guido De Maria, regista di centinaia di spot pubblicitari italiani, tra cui “Salomone pirata pasticcione”, che veniva trasmesso nel corso di Carosello, e le cui sceneggiature venivano scritte proprio da Guccini. In occasione della “Giornata Mondiale dell’Informazione Unesco” l’incontro si è concluso con la consegna a Guccini del riconoscimento “Testimone Unesco 2014” da parte del  Presidente Club Unesco di Modena Carlo Pellacani, per la “particolare sensibilità ai temi dell’uguaglianza, della giustizia sociale e della libertà che qualifica le sue opere, esaltandone l’identità emiliana, in una società dell’informazione in rapida evoluzione”. Sul palco erano presenti, oltre a Guccini, il giornalista Roberto Armenia, curatore degli incontri della rassegna, l’Avv. Gian Carla Moscattini, Presidente del Comitato Fiorano in Festa, e Amedeo Genedani, Presidente Lapam Confartigianato Imprese di Fiorano e Presidente Nazionale di Confartigianato Trasporti. La rassegna “Fiorano incontra gli Autori 2014” è organizzata dal Comitato Fiorano in Festa e da Lapam Confartigianato Imprese, con la collaborazione del Comune di Fiorano Modenese, curata dal giornalista Roberto Armenia e sponsorizzata da METAL GIOTTO e da ASTRA PRINT.

 

Canzoni, poesie e riflessioni sul tema della donna al

Teatro Astoria per di “Fiorano incontra gli Autori 2014"

 

Serata a più voci all’insegna di un tema di grande portata socio-culturale

 

Il quinto incontro della decima edizione del ciclo “Fiorano incontra gli Autori”, che si è tenuto mercoledì 21 maggio alle 20.30 presso il Teatro Astoria, è stato caratterizzato da una grande profondità, in quanto la serata era all’ insegna di un tema di grande portata socio-culturale e di attualità, ovvero “Universo donna: dalla donna angelicata al femminicidio”: quello di ieri è stato un incontro composito, a più voci, ricco di valori e significati civili, socio-culturali e politici. Nel corso della serata sono stati presentati diversi volumi, tra cui “La Donna, il Mondo” (“Consulta Edizioni”), volume che, con la prefazione di Carlo Pellacani (giornalista-scrittore e presidente onorario Unesco per Modena e Reggio Emilia), raccoglie poesie di 17 poeti-poetesse modenesi, di nascita o per adozione, tutte dedicate alla donna, (alcuni poeti erano presenti e hanno avuto la possibilità di leggere i propri componimenti sul palco del Teatro Astoria), “Spaghetti Paradiso”, romanzo novità dell’avvocato-scrittore pugliese Nicky Persico (“Baldini-Castoldi Editore”), che indaga, ricostruisce e documenta “il volto nascosto della manipolazione e dello stalking” di cui le donne, spesso, troppo spesso, sono vittime all’interno della loro famiglia e “Per non dargliela vinta”, scena e retroscena di un omicidio (purtroppo realmente avvenuto nel nostro territorio) di Giovanna Ferrari (“Il Ciliegio Edizioni”). Nel corso della serata è stato possibile godere della bravura della cantautrice-cantante-scrittrice-poetessa Morgana Montermini che, con la collaborazione del chitarrista Marco Trifilio, ha interpretato brani del suo ricco repertorio dedicati alla donna “angelicata” e alla donna vittima di violenze, soprusi e ingiustizie, ed è intervenuta anche la bravissima Franca Lovino, attrice che con la sua maestria ha saputo interpretare con estrema profondità alcuni brani tratti dai libri presentati nel corso della serata. Sul palco, oltre agli ospiti sopra citati, erano presenti l’avvocato Gian Carla Moscattini, Presidente del Comitato Fiorano in Festa, Cinzia Ligabue, presidente Donna Impresa Lapam Confartigianato e il Giornalista Roberto Armenia, che ha coordinato l’incontro. La rassegna “Fiorano incontra gli Autori 2014” è organizzata dal Comitato Fiorano in Festa e da Lapam Confartigianato Imprese, con la collaborazione del Comune di Fiorano Modenese, curata dal giornalista Roberto Armenia e sponsorizzata da METAL GIOTTO e da ASTRA PRINT.

 

 

 

L’economista Innocenzo Cipolletta ultimo protagonista della decima edizione della rassegna “Fiorano incontra gli autori”

 

 «In Italia riceviamo più di quello che paghiamo»

 

Si è svolto sabato 24 maggio, alle ore 18.00, presso il Teatro Astoria di Fiorano Modenese, il sesto e ultimo appuntamento della decima edizione del ciclo “Fiorano incontra gli Autori”, che ha visto come protagonista l’economista Innocenzo Cipolletta, a Fiorano per presentare il suo libro “In Italia paghiamo troppe tasse (FALSO!)” (Laterza Editore, 2014), pamphlet volto a dimostrare che «chi predica la riduzione delle tasse avvantaggia le classi più ricche», e che «pagare è bello: è meglio vivere dove ci sono buoni servizi piuttosto che un basso carico fiscale». Sul palco, oltre a Cipolletta, erano presenti l’avvocato Gian Carla Moscattini, Presidente del Comitato Fiorano in Festa, Erio Luigi Munari, Presidente Generale di Lapam Confartigianato Imprese, Alfonso Panzani, Presidente delle Ceramiche Ricchetti e il Giornalista Roberto Armenia, che ha coordinato l’incontro. L’incontro, invece di essere un one man show, si è svolto all’insegna del dialogo tra Cipolletta, Munari, Panzani, Moscattini e Armenia, un dialogo che ha portato l’economista, dopo aver fatto ragionare il pubblico in sala su alcuni punti spesso dati per scontati, ad affermare che in Italia riceviamo più di quello che paghiamo, in quanto vi sono servizi, come le pensioni, il servizio sanitario e il servizio scolastico, che la maggior parte della popolazione non  potrebbe assolutamente permettersi a prezzo pieno, e che quindi più che lamentarsi delle tasse che pagano dovrebbero pretendere dallo Stato servizi di maggior qualità. La rassegna “Fiorano incontra gli Autori 2014” è organizzata dal Comitato Fiorano in Festa e da Lapam Confartigianato Imprese, con la collaborazione del Comune di Fiorano Modenese, curata dal giornalista Roberto Armenia e sponsorizzata da METAL GIOTTO e da ASTRA PRINT.

In evidenza